Menu sopra

Progetto Pellet grande occasione per la Sicilia. Ecco il business plan che fa utile al prezzo di vendita più competitivo sul mercato.

impianto pellet

Mercato

Dopo secoli di dipendenza dal carbone, petrolio e gas naturale il legno e la combustione della biomassa sta riprendendo valore.

Centrali elettriche e  impianti di teleriscaldamento alimentati dalla combustione di biomassa di origine vegetale stanno godendo una rinascita. L’uso è la popolarità è da attribuire alla neutralità delle emissioni di CO2 utilizzando  biomassa di origine vegetale per la produzione di energia.

L’aumento dei prezzi per i combustibili fossili e gli incentivi messi a disposizione dai vari Governi aiutano il consumatore verso l’utilizzo di energia da rinnovabili. Inoltre proliferano nuove aziende di distribuzione di energia che chiedono fonti energetiche da rinnovabili.

Il mercato del pellet in Europa attualmente è fiorente, grazie soprattutto agli obiettivi nel campo dell’energia rinnovabile imposti dall’UE 2020.

L’Unione Europea attualmente soddisfa solo il 4% del proprio bisogno di energia con la biomassa e gli stati membri dell’UE si sono imposti come obiettivo vincolante quello di raggiungere una percentuale del 10% entro il 2020.

Il legno in pellet è la forma di biomassa più disponibile nell’UE e ciò rappresenta il motivo per cui esso gioca un ruolo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi 2020.

Secondo l’Eurostat, il consumo di pellet in Europa è più che triplicato (da 4,6 a 14,3 milioni di tonnellate tra il 2006 e il 2012) e lo stesso è accaduto alla capacità produttiva cresciuta da 4,4 a 10 milioni di tonnellate; le importazioni extra UE si sono quintuplicate raggiungendo 4,4 milioni di tonnellate nel 2012. Circa la metà del consumo di pellet è avvenuta per uso industriale e l’altra metà per il riscaldamento domestico.

USI
Il pellett è utilizzato per

  • apparecchi per il riscaldamento domestico 68%
  • caldaie ad uso domestico, civile e industriale 18%
  • teleriscaldamento, cogenerazione, centrali EE 14%

Investimento

Investimento previsto 270 mila euro + IVA a copertura delle immobilizzazioni materiali ed immateriali

Capacità produttiva oraria 0,9 tonnellate / ora.

Prezzo Sacco da 15 Kg  € 2,10 (al di sotto del prezzo di mercato pari a 4,00 €)

Simulazione

Nella simulazione abbiamo previsto un solo turno per sei giorni lavorativi per un totale di 288 giorni anno. La materia prima proviene da potatura da viti, olivo, piante di pomodoro, frumento, etc.

I dipendenti sono 2 (compreso l’imprenditore stipendiato) e un autista autocarro di 40 tonnellate.

Il pellet è insaccato in sacchi da 15 Kg.

Assunzioni di base

Descrizione N° / Ton prezzo ton Ricavi Confezioni da 15 Kg n°

Settimana anno

48
Giorni/settimana

6

Mesi

12

Giorni/anno

288

Ore/turno

7,5

Turni/giorno

1

Ore/giorno

7,5

Turni anno

288

Tonnellate ora

0,9

140,0  €

126,00

60
Tonnellate turno

6,75

140,0  €

945,00

450
Tonnellate giorno

6,75

140,0  €

945,00

450
Tonnellate settimana

40,5

140,0  €

5 670,00

2700
Tonnellate mese

162

140,0  €

22 680,00

10800
Tonnellate anno

1944

140,0  €

272 160,00

129600
Indice conversione umidità 30% 1,433471
Fabbisogno materia prima ton. 2786,667

Sono stati calcolati le seguenti voci di costo:

Energia elettrica di picco
Trasporti per una distanza di 50 Km al fine di ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera
Costo sacchi e adesivi per imballaggio pellet
n° 2 risorse umane Stipendi
Irap 1,9% aziende agricole (escluso Ires a cui non sono soggette le società agricole)
Affitto locale per 12 mila euro anno
Spese di manutenzione
spese di Marketing e Pubblicità (sito web imputato a investimento)
Spese tecniche e di consulenza
Tasse di concessione governativa
Spese per pulizie impianti
Spese postali e telefoniche
interessi passivi mutuo (€ 137.500,00 pari al 50% dell’investimento)
Spese per commissioni bancarie
Ammortamenti impianti e immobilizzazioni immateriali
TFR
Oneri sociali
Tasso interesse al 6,5%

PRODUZIONE

Per il primo anno la produzione inizia a luglio (6 mesi). Entrata prevista a regime secondo anno.

Di seguito si riporta l’utile al variare del fatturato nei primi sei anni con un solo turno di lavoro.SI ricorda che il fatturato può variare per effetto di un aumento  o diminuzione della produzione o da una variazione dei prezzi.

Valori in migliaia di euro.

roi pellet

Abbiamo supposto un capitale sociale di € 10 mila e un contributo a fondo perduto pari al 50% dell’investimento come previsto dal PSR Sicilia 2014 / 2020.
Utile al secondo anno 75.998 €

Analisi di mercato e Swot disponibile da adattare alle reali esigenze dell’imprenditore

Indici caratteristici in migliaia di euro e in percentuale.
roi indice 2

Innovazione incrementale disponibile a richiesta

  • Sono possibili miglioramenti nelle aree acquisto materie prime e nell’organizzazione della filiera corta.
  • Possibilità di introdurre soluzioni innovative nei processi di conferimento materia prima, riduzione costi energetici, aumento della qualità del pellet e distribuzione.
  • E’ disponibile processo di recupero biochar da stufe e sistemi cogenerativi per un loro riutilizzo in agricoltura.
  • Clienti già acquisiti.
  • In caso di utilizzo piante pomodoro, melanzane e altri orticoli ad alta carica di residui da nitrati sono disponibili tecnologie e processi innovativi provenienti dal mondo della ricerca e dell’innovazione volti al loro recupero e riutilizzo in ammendanti.
  • Progetti pilota e di filiera Misura 16 del Psr 2014 / 2020

CRITICITA’ superate

  • Rapidità di risposta alle esigenze del mercato (approvvigionamento – logistica – stagionalità degli interventi
  • Coordinamento attori della filiera
  • Accesso al credito per gli investimenti
  • Riconoscibilità della qualità e quindi del prezzo dei prodotti
  • Corretta informazione agli utenti finali
  • Cliente B2B

Da superare

  • Abusivismo
  • Carenza di statistiche e quindi di una corretta pianificazione e politica del settore forestale
  • Incertezza di norme e regolamenti, difformi tra Regioni

Possibili Finanziamenti dell’intervento:

POR 50% fondo perduto
PSR 2014/2020 dal 50 al 70% (Sicilia)
Impresa tasso zero Invitalia
Subentro in Agricoltura
Banca
Crowdfunding
Prestito partecipato
Gruppo di acquisto collettivo Pellet
Progetto cooperativo finanziato dai soci cooperatori
Contratto di rete
Start & Smart
Horizon 2020  (piano fattibilità € 50 mila, investimento fase II 70% fondo perduto)

Per il vostro progetto di impresa potete contattarci compilando il form sottostante

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto e ricontrolla l'esattezza)

Telefono

Città

Oggetto

Il tuo messaggio

I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. Leggi la pagina informativa sulla privacy *

Acconsento (flaggare la casella a sinistra)

Grazie

 

Simulazione a cura del Dott. Bartolomeo Uccio Pazienza
Fonte dei dati: Giuseppe La China – Eurostat – Ministero Politiche Agricole – Istat –

 

Trasferisci le conoscenze ai tuoi amici.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento